• Informazioni per visitatori
  • Media
  • Condividi questa pagina

    Prossime esposizioni speciali

    Denim – una moda elegante, pratica e intramontabile

    Il tessuto blu che ha fatto storia

    17 ottobre 2020 - 4 aprile 2021

    Il denim è per molti un elemento essenziale del proprio guardaroba. Praticamente in ogni armadio si trova un capo realizzato con questa stoffa. Il denim è però oggi molto più di un tessuto per l’abbigliamento. Si potrebbe pensare che il denim e l’arte non abbiano nulla a che fare. Non è così: molti artisti in tutto il mondo hanno scoperto il denim come materiale per le proprie opere. Questa esposizione speciale unica nel suo genere mostra la versatilità e la storia di questo materiale così popolare. Dai pantaloni e dalle giacche jeans a borse, scarpe, mobili e oggetti d’uso quotidiano fino a opere d’arte o installazioni come The Secret Garden di Ian Berry, realizzata completamente in denim.

    Ma di cosa è fatto il jeans e da dove viene il suo nome? La stoffa di cotone ottenuta dalla colorazione blu indaco di un particolare tessuto che conferisce fino ad oggi l’aspetto tipico del jeans, proveniva originariamente da Nîmes in Francia. Il termine di Denim deriva dalla locuzione Serge de Nîmes, ossia tela di Nîmes. Il denim acquisì notorietà mondiale in seguito al suo impiego per la confezione dei pantaloni jeans americani. Il nome jeans è ispirato dalla città portuale italiana Genova e dai calzoni, detti gênes, portati dai marinai genovesi.

    I primi jeans vennero indossati nel XIX secolo. Jacob Davis fece brevettare assieme a Levi Strauss il procedimento di produzione di jeans rinforzati con rivetti, particolarmente robusti e adatti al lavoro nelle miniere d’oro. I pantaloni comodi e resistenti color indaco divennero molto popolari e indumento da lavoro per antonomasia. L’indaco era ed è una delle sostanze coloranti più apprezzate e diffuse dall’antichità a oggi. Prima della sua produzione sintetica veniva ottenuta da varie piante contenenti il pigmento. Oggigiorno vengono prodotte sinteticamente diverse decine di migliaia di tonnellate di indaco l’anno, soprattutto per il tinteggio di stoffe di cotone denim per blue jeans.

    Nel mondo femminile, i jeans si diffusero negli anni 1930, quando tra le amazzoni si impose il modello Levis Lady L come pantalone robusto. All’epoca, per le donne indossare jeans nella vita quotidiana era ancora un tabù. Solo negli anni 1950 le donne iniziarono a indossare jeans unisex, siccome non volevano più limitare l’abbigliamento a vesti e gonne. Questo capo d’abbigliamento pratico e sportivo accompagna il mondo della moda da oltre 140 anni. E il suo tramonto sembra ancora lontano: praticamente in nessuna sfilata di alta moda manca un capo in denim.

     

     

    Attualità

    del museo

    Il mondo culinario

    Ristorante La Sosta

    Il mondo culinario

    Ristorante La Sosta

    Per pranzi, spuntini e merende. Aperto tutti i giorni con cucina calda a orario continuato.

    Al Ristorante La Sosta

    Inclusa l’esposizione speciale corrente

    Visite guidate pubbliche

    Inclusa l’esposizione speciale corrente

    Visite guidate pubbliche

    Le visite hanno luogo ogni 1° sabato del mese alle ore 14. Durata ca 1 ora.

    Alle visite guidate

    I nostri

    orari d’apertura

    I nostri

    orari d’apertura

    Orari d’apertura festivi inclusi del Museo, della Boutique e del Ristorante La Sosta

    Agli orari d’apertura

    Ihr Browser wird nicht unterstützt.

    Damit die Seite korrekt angezeigt wird, sollten Sie eine aktuelle Version Ihres Browsers einsetzen.