• Informazioni per visitatori
  • Media
  • Condividi questa pagina
Globi «live» at the museum

Sunday, 10 July, 2–5 pm
Sunday, 14 August, 2–5 pm
Sunday, 11 September, 2–5 pm
Sunday, 09 October, 2–5 pm

Tanto di cappello!

Da oggetto quotidiano attorno al 1750 alle creazioni design di oggi

20 ottobre 2018 - 7 aprile 2019

Attualmente il cappello sta vivendo una seconda giovinezza. Sempre più rinomati stilisti di moda ampliano le loro collezioni con modelli di cappelli e artisti di tutto il mondo danno nuovi impulsi al copricapo. L’esposizione speciale offre da un canto alle visitatrici e ai visitatori un breve percorso attraverso la storia del cappello mentre dall’altro mostra le creazioni di celebri designer e creatori di cappelli contemporanei. Tutti i pezzi potranno essere ammirati in questa forma soltanto in quest’esposizione a Basilea.

Gli oltre cento cappelli da donna, bambino e naturalmente uomo illustrano le tendenze della moda degli scorsi due secoli. Il 21° secolo con le sue creazioni straordinarie e stravaganti è rappresentato da 69 artiste e artisti di 17 Paesi e oltre 120 cappelli. Fra questi spiccano i modelli di John Boyd, che tra l’altro aveva tra le sue clienti Lady Diana, oppure le creazioni di Stephen Jones, lo stilista preferito da Rihanna, Katy Perry o Mick Jagger, i cui cappelli si trovano nei maggiori musei del mondo come il Metropolitan Museum of Art di New York o il Louvre a Parigi, per menzionare solo due mostri sacri di questa eletta schiera d’artisti.  

Se gli accessori sono considerati la ciliegina sulla torta dell’abbigliamento, il cappello ne è il tocco da maestro. Si tratta di un ornamento stravagante, scelto consapevolmente, per l’uomo e la donna. Un cappello dà subito nell’occhio e attira gli sguardi. Indossare un cappello è una decisione intenzionale mirante a emergere dalla massa. Per cui: Tanto di cappello!

Ovviamente il cappello serve anche a proteggersi dal freddo, dalla pioggia, dal caldo o dal vento. Non di rado, tramite il cappello veniva manifestato un dato orientamento politico oppure fungeva da simbolo di potere e appartenenza. Il cappello non è quindi solo un copricapo ma anche un messaggio. Storicamente era significativo osservare chi si scopriva il capo davanti a chi esibendo così la propria impotenza e inermità. Togliersi il cappello al saluto era un tempo una riverenza resa solo da chi era di ceto inferiore all’appartenente a un ceto superiore. Il cappello era anche l’insegna di determinate categorie professionali, come il cilindro e la bombetta, ma anche berretti e caschi.

Per le donne, il fatto di coprirsi il capo assumeva un’altra funzione. In questo modo la donna segnalava ad esempio se era sposata o nubile. Le donne maritate indossavano cuffie che significavano la sottomissione al marito. Inoltre, le donne erano tenute a coprirsi i capelli. La grande varietà di cappelli da donna è il frutto della volubilità delle mode, come ad esempio i piccoli copricapo in bilico attorno al 1860/70 su acconciature sempre più importanti con boccoli e trecce, sulle quali presero a troneggiare dall’inizio del Novecento cappelli davvero imponenti.

Attualità

del Museo

Il mondo culinario

Ristorante La Sosta

Il mondo culinario

Ristorante La Sosta

Per pranzi, spuntini e merende. Aperto tutti i giorni con cucina calda a orario continuato.

Al Ristorante La Sosta

Inclusa l’esposizione speciale corrente

Visite guidate pubbliche

Inclusa l’esposizione speciale corrente

Visite guidate pubbliche

Le visite hanno luogo ogni 1° sabato del mese alle ore 14. Durata ca 1 ora.

Alle visite guidate

I nostri

orari d’apertura

I nostri

orari d’apertura

Orari d’apertura festivi inclusi del Museo, della Boutique e del Ristorante La Sosta

Agli orari d’apertura

Ihr Browser wird nicht unterstützt.

Damit die Seite korrekt angezeigt wird, sollten Sie eine aktuelle Version Ihres Browsers einsetzen.